Casa

L’abbazia di La Chaise-Dieu

Il 28 dicembre 1043, Robert de Turlande (Saint Robert) lasciò Brioude (FRANCIA – Haute-Loire – 43) con due compagni per costruire una vita religiosa in linea con le sue aspettative.
Tutti e tre si ritirano in un deserto forestale, come potrebbe essere il sito attuale di La Chaise-Dieu.

Ma molto rapidamente, uniti da un gran numero di giovani attratti dal carisma e dalla santità di Robert, hanno dovuto rinunciare alla loro vita eremitica per formare una piccola comunità sotto il dominio di Saint-Benoit. Questo piccolo stabilimento occupa rapidamente un posto importante nella vita religiosa. Vocazioni e regali tributari, e su terra ricevuta, Robert ha fondato il primo piccolo priorato.

Circa 300 anni dopo san Roberto, un monaco di La Chaise-Dieu Pierre Roger divenne papa Clemente VI e dichiarò con una bolla apostolica del 1432 che voleva ricostruire a proprie spese l’intera chiesa abbaziale che sarebbe diventata anche la sua tomba. Dopo la sua morte, papa Gregorio XI, nipote di Clemente VI, continuò il lavoro di suo zio, e gli ultimi abati regolari competono con zelo e generosità per abbellire il monastero.

Cos’è un sito Casadéen?

Casadéen proviene da Casa Dei che significa “Casa di Dio” (in latino). Questo è il nome ricevuto dall’abbazia. Cambierà col tempo nella sedia di Dio, dove risiede Dio. Un sito Casadéen è un priorato o abbazia in contatto con la congregazione di Casadéen e che “dipendeva” dalla Chaise-Dieu. È sulla base di questa rete storica e del lavoro di censimento dei siti Casadéen di Pierre-Roger GAUSSIN che è stato costruito il nostro progetto di cooperazione e scambi tra i vecchi siti Casadéen.

Rete europea di siti Casadéen

La rete europea dei siti casadiani è un’associazione ai sensi della legge del 1901, creata il 13 ottobre 2001 alla Chaise-Dieu, su scala europea con Francia, Spagna e Italia, poi Svizzera. Lo scopo dell’associazione è di creare collegamenti moderni tra siti che sono stati nella loro storia allegati alla congregazione dell’Abbazia di la Chaise-Dieu. La rete comprende i comuni che ospitano un sito Casadéen, le associazioni che evidenziano o animano uno o più siti (associazioni per la salvaguardia o il patrimonio di animazione, uffici del turismo, parrocchie, …) e chiunque desideri prendere parte alle attività di l’associazione.

Tra gli obiettivi principali di questa rete vi è la consapevolezza della popolazione locale e del pubblico in generale della storia passata della congregazione di Casadéen, la promozione della ricerca storica, l’assistenza allo sviluppo del patrimonio casadéen, lo sviluppo culturale e turistico dei siti, nonché gli scambi e la cooperazione per lo sviluppo économico.